Lo stomaco digerisce anche le tue ansie e preoccupazioni

mal di stomaco

In concomitanza di periodi particolarmente intensi e stressanti ti sarà sicuramente capitato di soffrire di

  • difficoltà digestive
  • bruciori di stomaco
  • gonfiore
  • nausea
  • reflusso

Lo stomaco infatti, oltre al cibo, digerisce oppure “non digerisce” anche le tue emozioni, esperienze e preoccupazioni.

Il corpo esprime sempre ciò che, in altro modo, non siamo riusciti a metabolizzare.

Cosa puoi fare quindi per evitare di arrivare a questo punto?

 

1) Allontana le tensioni

Lo stress è una delle cause maggiori di questo disturbo. Se sei una persona tendenzialmente nervosa, allontanare le tensioni dovrebbe essere alla base di una buona prevenzione.

Pratica la respirazione addominale per qualche minuto per un po’ di giorni.

In questo modo, senza neanche accorgertene, ti riabituerai mano a mano ad un atteggiamento mentale diverso che allontanerà, già in partenza, stress e preoccupazioni perché saprai gestirli automaticamente regolando il tuo respiro.

Scarica qui la Guida e la Respirazione Guidata mp3 gratuiti con 3 semplici abitudini per rilassarti, scaricare le tensioni e concentrarti sul momento presente.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco

2) Migliora l’alimentazione

  • Evita gli alimenti con caratteristiche irritanti che favoriscono la produzione acida nello stomaco: aceto, alcolici, pomodoro, spezie, insaccati e cibo pesante, agrumi, the, caffè, cacao.
  • Evita le bibite gassate e i chewing gum che aumentano la presenza di gas e la pressione all’interno dello stomaco.
  • Fai pasti più frequenti e di quantità ridotte piuttosto che due pasti al giorno e abbondanti.
  • Evita di distenderti subito dopo i pasti.
  • Mangia la frutta lontano dai pasti.

 

3) Migliora il tuo stile di vita

Dedica importanza e tranquillità al momento del pasto mangiando lentamente e masticando bene.

La triturazione del cibo durante la masticazione facilità l’attività gastrica e qui si attivano i primi enzimi digestivi, cosa che avverrà in maniera scorretta se mastichi poco e deglutisci il cibo velocemente.

 

4) Evita il fumo

Il fumo accentua i disturbi gastrici poiché interagisce con la secrezione dei liquidi nel corpo e può modificare l’attività digestiva.

 

Se il bruciore aumenta di notte

Se il bruciore di stomaco aumenta di notte, può essere causato dalla risalita degli acidi lungo l’esofago dove rimangono a lungo irritando le mucose.

Oltre alla dieta, in questi casi può essere utile posizionare un rialzo sotto il materasso per far sì che la forza di gravità ostacoli la risalita degli acidi.

 

Cause

Le cause più comuni di questo disturbo sono

  • fattore emotivo e stress
  • alimentazione scorretta
  • sovrappeso
  • alcol e fumo
  • stile di vita poco sano
  • eccessiva assunzione di farmaci
  • anche allergie e intolleranze possono peggiorare il problema

 

Il fattore emotivo è determinante

Quando i problemi digestivi vengono trascurati e finiscono per sfociare nel reflusso gastrico, possono comportare anche infiammazione ricorrente alla gola, proprio a causa dell’acidità in eccesso.

Non sempre ci si accorge facilmente di questo aspetto, ma se tendi a schiarirti spesso la gola o ad avere bruciori alla gola che guariscono e si ripresentano poco dopo, potrebbe trattarsi di un’eccessiva acidità di stomaco e non di mal di gola.

Questo problema, una volta raggiunta questa intensità, è risolvibile con rimedi naturali ma richiede del tempo (anche 2-3 mesi, a seconda del caso specifico) per ristabilire una normale acidità gastrica e per la mucosa che deve avere il tempo di guarire.

Per tutti questi motivi, onde evitare di trascurare il disagio e permettergli di sfociare in problematiche più serie, puoi abituarti a controllare il tuo stato emotivo attraverso la GESTIONE DEL RESPIRO.

Scarica la Guida e la Respirazione Guidata mp3 gratuiti per seguire la traccia guidata che ho preparato.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco

 

E’ necessario praticarla per qualche giorno di seguito soltanto durante i primi tempi, fino a quando sarà diventata per te un’abitudine automatica che ti permetterà di autoregolarti spontaneamente nei momenti di difficoltà e in qualsiasi luogo tu ti troverai, senza la necessità di stenderti ancora per fare l’esercizio.

Vedrai che in poco tempo sarai in grado di controllare il respiro e la mente anche durante i momenti di difficoltà.

Ne guadagnerai anche in chiarezza mentale e concentrazione. SCOPRI DI PIU’

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono presentate a scopo informativo e in assenza di particolari patologie. In nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. In presenza di problematiche particolari si raccomanda di chiedere il parere del proprio medico curante.

 

Se questo articolo ti è stato utile, puoi condividerlo con i tuoi amici o con chi pensi potrebbe averne un beneficio.

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco